UNUCI - Sezione di Vicenza


Vai ai contenuti

Menu principale:


G. di Vicenza 28 /05/2017 Decorati a Cassola

Noi sulla stampa > 2017

IL RADUNO. Commovente manifestazione a Cassola con i discendenti dei militari dei Comuni del Grappa insigniti di medaglie al valore in guerra

Decorati, la memoria e l'orgoglio

Ogni parente premiato con il catalogo e la lettura della motivazione
L'UNUCI: «Valori civili e patriottici da mantenere anche tra i giovani»


Toccante cerimonia all'auditorium di San Giuseppe di Cassola: la celebrazione della memoria dei decorati vicentini della Grande Guerra nati nei nove Comuni del Grappa: Campolongo, Cassola, Cismon, Mussolente, Pove, Romano d'Ezzelino, San Nazario e Solagna, con l'organizzazione dell'UNUCI (Unione Ufficiali in Congedo d'Italia) di Vicenza-Bassano e dell'Associazione Culturale Ufficiali Vicentini.
Si sono ritrovati, per celebrare il valore militare di tanti loro concittadini, i sindaci dei nove Comuni - presente anche l'assessore regionale Elena Donazzan - autorità civili e militari, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d'arma della zona, i parenti dei Decorati della guerra '15-'18 e tanti cittadini. Particolarmente gradita l'esibizione della soprano Paola Burato - accompagnata dal pianista Alessandro Marini e introdotta, nei suoi canti di guerra, dai testi letti da Maria Piva.
Il maggiore Umberto Rizzo, vicepresidente di UNUCI, ha dato il via alla cerimonia seguito dal presidente di UNUCI Vicenza-Bassano, Commendator Tenente Giustiniano Mancini, il quale ha sottolineato l'importanza e la "necessità" di manifestazioni come questa, che servono a ricordare e a mantenere in vita i valori civili e patriottici più genuini, con particolare riferimento alle giovani generazioni.
Sono quindi intervenuti il sindaco di Cassola Aldo Maroso e il presidente di UNUCI Schio, Colonnello Gianfranco Ciancio. Il Grande Ufficiale Primo Capitano Luciano Zanini ha svolto un approfondito discorso celebrativo: «Oggi - ha detto - sono presenti i parenti degli eroi di questa terra, quei vostri avi che seppero dimostrare un invidiabile coraggio e un sincero Amor di Patria. Sono appunto i Decorati al Valor Militare di questi Comuni che, grazie alla presenza fisica dei loro parenti in sala, diventano protagonisti di questa grande giornata. Proprio in quest'area geografica, legata indissolubilmente alla celeberrima Cima del Monte Grappa, divenuta baluardo, fortezza invalicabile per le armate austroungariche, si risolse la Grande Guerra».
Il relatore si è soffermato sulla descrizione del catalogo "I Decorati Vicentini nella Grande Guerra" che raccoglie i nomi dei decorati Comune per Comune, con le relative precise motivazioni. «Una pubblicazione preziosa - ha sottolineato - suddivisa in due parti: nella prima risultano iscritti i caduti decorati di medaglia d'oro; nalla nella seconda tutti gli altri militari di ogni ordine e grado distintisi per gesta di particolare eroismo e decorati con medaglia d'argento o di bronzo».
Una copia di questo catalogo è stata consegnata ai parenti dei Decorati intervenuti alla cerimonia: sono saliti, uno dopo l'altro, sul palco ricevendo il catalogo dalle mani del proprio sindaco, previa lettura delle motivazione della decorazione.

Nella foto la cerimonia della premiazione con la consegna del catalogo e la lettura della motivazione



Torna ai contenuti | Torna al menu